martedì 19 febbraio 2013

Tour invernale nella campagna Forsempronese

Durante l'inverno, i paesaggi di campagna non sono il massimo dell'allegria anzi a volte infondono sensazioni funeste, l'arrivo della neve però cambia la situazione, per qualche tempo dona un aspetto più aggraziato all'ambiente agreste e non solo. Preferisco quindi una fredda giornata, magari con qualche fiocco di neve che cade per farmi un bel tour invernale nella campagna.

Il territorio comunale di Fossombrone (PU), offre bellissimi itinerari di campagna durante tutto l'anno, in particolar modo le zone a sud della via Flaminia si prestano molto bene a spensierati giri seduti, in groppa o in sella ad un qualsiasi mezzo di locomozione. Il territorio è ricco di stradine che intrecciandosi tra loro trasformano l'escursione in una piccola avventura, è facile perdersi ma occorre solo un po di pazienza per ritrovare la bussola. Lo stupendo paesaggio di queste terre, ha subito negl'ultimi tempi diversi sfregi con la messa in posa di numerosi impianti fotovoltaici, alcuni di questi in luoghi impensabili ma nonostante ciò di bello da vedere ancora c'è tanto! Inoltre, la campagna forsempronese è una terra intrisa di storia dove ogni via conduce a vecchi villaggi rurali, sperdute chiese di campagna, antichi borghi dimenticati. 

Iniziamo il giro...
Il viaggio ha inizio nei pressi di Sant'Anna del Furlo, questa è la chiesa con il suo inconfondibile campanile e sotto il cimitero, il resto del villaggio si trova dietro il colle. Sullo sfondo il Monte Pietralata alle prese con una nevicata in quota.
Da Sant'Anna mi muovo su una stretta e dissestata via che mi porta verso est, nel frattempo le nubi si alzano ed ecco il Pietralata bianco a metà.
Trivio nei pressi della località detta Bellaguardia, sullo sfondo i colli della Cesane, anch'essi imbiacati. Questa zona è conosciuta ancora oggi con il nome di Barco ossia "parco", nel rinascimento l'area era la riserva di caccia dei Duchi di Urbino.
Verso il borgo di San Gervasio, sullo sfondo sempre le Cesane mentre nel colle in basso a destra è visibile la settecentesca cappella di Sant'Annina.

Poco distante ecco l'agglomerato rurale di Sant'Annina con tanto di chiesetta. L'atmosfera tenebrosa, è accentuata dalla selva di cipressi che in origine adornava un piccolo cimitero.
Eccomi in cima al colle di San Gervasio, ogni volta che arrivo quassù, resto colpito dalla grande quercia con la fontanella ai suoi piedi.
Visibile da lontano, la chiesa di San Gervasio, il simbolo del borgo.
In posizione più defilata si trova il campanile, ancora provvisto di campana. Un mattoncino che affiora dall'intonaco riporta la data di costruzione: 1627.

Bella casetta dell'abitato.
Prima di scendere da San Gervasio per proseguire nel mio viaggio, poso gli occhi sullo stupendo paesaggio. .
La tipica campagna marchigiana d'inverno, mentre scatto la foto un falco entra regalmente nella scena.
Ancora bellissima campagna, i colori sono sempre più smorzati dalla neve. Sullo sfondo i boscosi contrafforti del Monte Pietralata.
Alle pendici di sud-Est del Pietralata si trova la chiesa di San Martino dei Muri.
Appena arrivo, un raggio di sole accarezza il vecchio tempio.
Lascio San Martino dei Muri, inverto la rotta verso nord, direzione Montalto Tarugo ma non appena mi trovo ai piedi del borgo una tormenta si abbatte violenta e implacabile.
Proseguo a passo d'uomo e mi guardo attorno...
...solo, nella sperduta campagna, nel bel mezzo di una bufera.
Ma come è arrivata, la tempesta se ne va e il cielo si riapre come a volermi rassicurare nel ritorno a casa.

Guarda il percorso.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento